Conoscere i vantaggi delle bacche di maqui, il superfood che non ti fa venire le rughe

bayas-maqui-t

A poco a poco, le bacche stanno diventando un alimento fondamentale nella nostra dieta. In generale, è stato dimostrato che l’introduzione nella dieta è positiva, poiché costituisce una ottima fonte di antiossidanti e vitamine. Molti di loro, come ad esempio açai o goji, entrano nei cosiddetti superfoods. Ma ci sono alcuni che si distinguono sopra gli altri, ad esempio le bacche di maqui, noto anche come bacche cilena. Vuoi scoprire le loro proprietà?

Un potente antiossidante, più di altre bacche più note
La prima cosa che dovete sapere è di che cosa si sta parlando: un frutto dalla pianta selvaggia Aristotelia chilensis, la cui origine si trova in Cile-Argentina- in alcune aree in cui le popolazioni indigene, come ad esempio i Mapuche, usano loro da centinaia di anni, come la maggior parte di questi alimenti dalla natura. Come abbiamo detto, la sua caratteristica principale è che sono un potente antiossidante, ancor più di altre ben note bacche.

In particolare, questo frutto è ricco di vitamina C e polifenoli, sostanze presenti nelle piante e hanno un importante potere antiossidante, antinfiammatorio e antiaging per il nostro corpo. “Anche se molto importante, il problema è che la loro bassa concentrazione negli alimenti e malassorbimento di queste cause non è facile raggiungere il sangue”, ha detto l’ esperto Inmaculada Canterla. Perché è così importante oltre a mangiare alimenti ricchi di antiossidanti (come frutta e verdura colorati: i colori sono il risultato della concentrazione di diversi tipi di polifenoli), completarle per via orale. Un esempio di cibo “superantiossidante” è proprio la bacca maqui, questa varietà di mirtillo coltivato in Cile e ampiamente studiato per il suo alto contenuto di antociani (polifenoli presenti anche nelle fragole e altre bacche) .