Come avviare un blog

Come avviare un blog

Ti stai chiedendo come iniziare un blog? O forse hai delle domande a riguardo. Sono contento che tu sia qui! In questo post, ti mostrerò esattamente come creare il tuo blog, non è richiesta alcuna esperienza tecnica. (È più facile e più veloce di quanto pensi.) Inoltre, risponderò ad alcune domande frequenti lungo il percorso. Questo è il sito che vorrei avere quando ho iniziato a scrivere blog 14 anni fa.

I 6 passaggi per avviare un blog

Decidi su cosa scrivere sul blog.
Scegli una piattaforma di blogging.
Trova un host.
Scegli un nome di dominio.
Inizia con WordPress.
Progetta e usa il tuo blog!

Perché iniziare un blog?

Ci sono molti motivi per considerare l’avvio di un blog. Ecco alcuni quelli popolari:

Guadagna mentre lavori da casa. Faccio un blog di reddito a tempo pieno. Molti altri fanno lo stesso. Fare soldi come blogger è un duro lavoro, ma è a basso rischio, basso sovraccarico e bassa barriera all’ingresso.
Diventa un autore pubblicato. Non è un segreto, in questi giorni gli editori raramente lavorano con autori che non hanno una presenza online. La ragione è semplice: è molto più facile vendere libri a persone che già ti conoscono. Un blog è uno dei luoghi più facili e più efficaci da cui iniziare.
Ottieni più visibilità per la tua azienda o organizzazione esistente. Un blog dà a chiunque, dagli individui alle grandi aziende, la possibilità di raggiungere un gran numero di persone a un costo molto basso.
Scrivi e basta. Se vuoi scrivere, condividere la tua storia, incoraggiare gli altri e costruire una comunità, un blog è un ottimo posto per farlo.

Ti vedi in qualcuno di questi? Riesci a vedere come trarrai vantaggio da un blog? Continua a leggere!

FAQ: quanto costa un blog?

Se si utilizza il metodo di seguito, funziona a euro 5 a euro 10 al mese. Ho bloggato per anni su questo budget. Quando il mio blog e il mio reddito sono cresciuti, alla fine ho iniziato a pagare per strumenti e servizi più premium, ma non sono obbligati a iniziare.

FAQ: Posso avviare un blog gratuitamente?

Sì. Tuttavia, ecco il mio consiglio per esperienza personale: un blog gratuito va bene se è un hobby. Se vuoi guadagnare dal tuo blog, non consiglio di iniziare un blog gratuito. Perché? Alcuni motivi:

Alcuni servizi gratuiti limitano la monetizzazione (ad esempio facendo soldi) a meno che non si “aggiorni” a un livello superiore. Dovrai ovviamente pagare per l’upgrade, quindi sconfigge lo scopo di avere un blog gratuito in primo luogo.
Le aziende non offrono blog gratuiti per la bontà dei loro cuori. Loro vogliono ancora fare soldi in qualche modo. Se stai usando il loro servizio gratuito, non stanno facendo soldi con te. Pertanto, non hanno molti incentivi per farti felice. A volte questo significa che avrai poco o nessun supporto. Altre volte vuol dire che sarai maltrattato con offerte per i loro prodotti a pagamento.
La maggior parte dei servizi gratuiti ha solo funzioni di base. All’inizio questo potrebbe non essere un problema, ma man mano che cresci, sentirai quasi sicuramente il colpo. Espandibilità e flessibilità sono fondamentali, entrambi sono limitati dai servizi di blogging gratuiti.
Se si desidera passare a un servizio migliore (molto comune tra coloro che avviano un blog gratuito), è una seccatura e può essere costoso. Farlo da solo richiede molto tempo e know-how. Assumere qualcuno per farlo correttamente costa centinaia di dollari.
Potresti non essere in grado di fare ciò che i tuoi blogger preferiti stanno facendo. Questo succede sempre ai nuovi blogger. Iniziano un blog gratuitamente. Presto noteranno interessanti funzionalità anche su altri blog che vogliono. Il problema è che non è possibile sul loro servizio gratuito.
Responsabilità. In generale, valutiamo le cose per cui paghiamo. Il blog è un duro lavoro. Un modo per tenerti conto è pagarne solo un po ‘.

Se queste sei trappole comuni non ti convincono, o un blog gratuito è davvero la tua unica scelta, vorrei andare con Blogger.

Ecco i miei passi facili da seguire per iniziare un blog WordPress self-hosted, senza richiedere alcuna esperienza tecnica.
Step 1: Decidi cosa scrivere sul blog

Se fai parte di un’azienda, di un’azienda o di un’organizzazione, il tuo blog deve essere correlato ai prodotti o ai servizi che fornisci o alla causa che promuovi.

Se sei un individuo, hai più flessibilità quando scegli un argomento. Ne ho parlato qui, ma le cose principali da ricordare sono:

Blog su qualcosa che ti piace. Se non sei entusiasta del tuo argomento, scrivere su di esso sarà faticoso. Chi lo vuole? Inoltre, perché i lettori sarebbero interessati se non lo fossi?
Blog su qualcosa con un sacco di spazio per la discussione. Un blog richiede molto contenuto per andare avanti e rimanere interessante. Sarai a questo a lungo quindi assicurati di avere molto di cui parlare.
Scegli una nicchia in cui puoi stabilirti come autorità. Probabilmente non sarai la prima persona a scrivere un blog sull’argomento che scegli. È quasi garantito che qualcun altro ci abbia pensato prima di te. Non preoccuparti di questo, crea un’angolazione unica. Hai una ragionevole possibilità di rendere il tuo blog migliore di altri parlando della stessa cosa?

L’obiettivo per qualsiasi blog è diventare la risorsa di riferimento per il suo argomento o nicchia.
FAQ: Cosa succede se non riesco a decidere su un argomento del blog?

Inizia comunque! Un errore principiante comune è pensare che devi essere sicuro di un argomento da iniziare. Se sei come la maggior parte di noi, o cambi argomento o ti accontenti di qualcosa.
Passo 2: Scegli una piattaforma di blogging

Se vuoi cucinare, hai bisogno di una cucina. Se vuoi blog, hai bisogno di una piattaforma di blogging.

Ci sono molte piattaforme di blogging tra cui scegliere. WordPress, Blogger, Squarespace, Wix e Weebly sono alcuni.

Tutti hanno pro e contro, ma WordPress è di gran lunga il più popolare (fonte), e per una buona ragione. È flessibile, funzionale e ha una vasta comunità di utenti che condividono strumenti e idee.

Uso e raccomando WordPress (ma non tramite WordPress.com).

Se scegli WordPress, hai due opzioni: ospitata o auto-ospitata.

I blog di WordPress ospitati, a volte denominati blog di WordPress.com, sono gratuiti ma limitano il potenziale di reddito.
I blog di WordPress self-hosted, a volte chiamati blog WordPress.org, costano un po ‘di soldi ma ti danno molto più controllo e non limitano il tuo potenziale di reddito.

Questa guida ti insegnerà come avviare un blog WordPress self-hosted, la piattaforma preferita dai blogger principianti e veterani allo stesso modo.

Nota: anche se un blog WordPress self-hosted viene a volte indicato come un blog “WordPress.org”, non sei limitato a un .org alla fine del tuo nome. È ancora possibile utilizzare .com, proprio come faccio per AmyLynnAndrews.com.

Va bene, mettiamoci su!
Passaggio 3: trova un host

Spero di averti convinto del merito di WordPress, ma c’è ancora una cosa da sapere. WordPress è semplicemente un software. Puoi scaricarlo sul tuo personal computer, ma il tuo blog sarà accessibile solo a te. In altre parole, WordPress da solo, non renderà il tuo blog in diretta su Internet.

Affinché il tuo blog sia online e accessibile a chiunque, hai bisogno di spazio sul server. Ottieni spazio sul server da una società di hosting o “host”.

Quale host dovresti usare?

Raccomando un host che ho personalmente pagato e utilizzato per oltre un decennio. (Come cliente pagante da lungo tempo, i link sottostanti sono i miei link di riferimento, il che significa che, senza costi aggiuntivi, guadagnerò una commissione se effettui un acquisto.)

Passaggio 4: scegli un nome di dominio

Un dominio è un indirizzo web.

Se non hai già idee, usa il tuo nome o pensa a qualcosa di breve, accattivante e condivisibile.

Se hai precedentemente registrato un dominio e desideri utilizzarlo per questo nuovo sito, inseriscilo a destra. (Non preoccuparti, non rovinerà le cose per inserirlo qui. Identifica il tuo account Bluehost solo per ora.) Se non ne hai già uno, inserisci il dominio desiderato a sinistra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto