La Tecnica Del ‘Baking’: Come Funziona E, Soprattutto, A Chi È Adatta?

La Tecnica Del ‘Baking’: Come Funziona E, Soprattutto, A Chi È Adatta?

Le mode nel make up cambiano continuamente e arrivano nuove tecniche di trucco. C’è stato il boom del contouring (creazione delle ombre e delle luci sul viso), succeduto dallo strobing (creazione delle sole zone di luce sul viso), ora è il turno del Baking Make up che ha come protagonista la cipria.

Ma in cosa consiste la tecnica del Baking makeup e come si fa? Vediamolo insieme con questa semplice guida.



Se non avete mai sentito parlare di baking ci siamo qui noi per spiegarvelo. Il termine inglese – che significa letteralmente “cuocere” – è utilizzato da anni nella community drag e si riferisce al lasciare in posa della cipria traslucida sul viso per 5-10 minuti. Il calore della pelle permetterà al correttore e al fondotinta (applicati in uno step precedente) di fissarsi per bene. Successivamente bisogna eliminare l’eccesso di cipria con un pennello molto grande, lasciando spazio a un finish assolutamente perfetto. Il make up artist di Kim Kardashian, Mario Dedivanovic, lo usa spesso sulla signora West, che nelle foto ha una pelle sempre perfetta.

Trattandosi di trucchi molto elaborati che richiedono molto lavoro per coprire imperfezioni e ottenere un effetto molto drammatico, si utilizzano molti strati di prodotto che richiedono necessariamente anche un bel fissaggio forte proprio durante l’applicazione.



Traslato nel trucco che potremmo eseguire oggi o comunque nei trucchi più intensi che diversi mua ormai relizzano, la tecnica del baking prevede sì la stratificazione dei prodotti e un forte fissaggio con la cipria, ma soprattutto prevede che quest’ultima venga stesa in maniera più abbondante in zone precise del viso e lasciata lì a fissare per bene correttore o illuminante come se stesse appunto ‘cuocendo’ la zona.

Applicazione della cipria
Prima di tutto anche la cipria, come il fondotinta, dev’essere del colore più adatto all’incarnato, per illuminare, sono sconsigliati colori carne scuri e/o troppo rosati. A questo punto, stendete uno stato molto pesante di cipria, sia che voi utilizziate la spugnetta che il pennello. La cipria, una volta prelevata con la spugnetta, andrà pressata sugli strati sottostanti, se invece usate la polvere di riso, applicatela abbondantemente con l’apposito pennello. Attendete 10 minuti dopodiché proseguite col trucco occhi e labbra.



Trascorsi il tempo di posa, con il pennello grande, fate dei piccoli movimenti in modo da eliminare solo l’eccesso di cipria, ovvero quella che non si è fissata. Procedete molto delicatamente, stando attente a non andare a toccare le parti truccate del resto del viso. A questo punto, avete terminato il vostro baking makeup e non vi resta che andare in scena.
Per vedere tutte le ciprie adatte per realizzare questo tipo di makeup

RIEPILOGO PASSAGGI

1.Preparare una cipria traslucida in polvere libera e una spugnetta inumidita classica angolata reperibile nelle profumerie.

2.Prelevare la cipria dalla confezione in maniera abbondante e cospargere le zone interessate ricoprendole di prodotto.

3.Applicare con cura sulle occhiaie per andare a creare un effetto disteso e sul naso per assottigliarlo e ottenere un punto luce dorso in modo da assottigliarlo, o ancora sotto agli zigomi, alla fronte e al mento, per creare un contrasto maggiore e più evidente rispetto alle zone che abbiamo precedentemente scurito col contouring.

4.Dopo avere eseguito questa operazione si passa alla fase di “baking” vera e propria. Infatti, la cipria va fatta agire sulle zone interessate da 10 a 30 minuti, in modo da fissare bene i prodotti applicati in precedenza e mettere in evidenza le zone illuminate.

5.Trascorso il tempo necessario, bisogna rimuovere l’eccesso di cipria con un pennello morbido, eseguendo movimenti lenti e delicati, come se si stesse spolverando.

  1. Adesso sul viso è rimasta solo la cipria giusta per fissare il trucco senza che la base si depositi nelle pieghe del viso creando un effetto antiestetico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto