X Factor 2018 verso la finale: favorito Anastasio, i giudici pronti a lasciare

X Factor 2018 verso la finale: favorito Anastasio, i giudici pronti a lasciare

Domani in gara Anastasio, Luna, Naomi e i Bowland. Fedez e Agnelli sicuri partenti, Guenzi troppo «lodorroico», Mara Maionchi l’unica che potrebbe esserci ancora

Quattro eroi per un giorno: il tempo dirà se sarà vera gloria o solo un Licitra di passaggio perché il vincitore dell’anno scorso è l’ennesimo emblema dei famigerati 15 minuti di celebrità:

una notte di luci che si sono spente nella nebbia. Confusi nei casting in mezzo ad altre 40mila ipotesi di cantanti Anastasio, Luna, Naomi e i Bowland si sono via via lasciati dietro tutti gli altri 39.996 pretendenti di X Factor e giovedì sera al Forum di Assago (Milano) si giocano la finale (diretta pay alle 21.15 su Sky Uno e in chiaro su Tv8).

 

 Il favorito è il 21enne Anastasio (di Vico Equense, Napoli) che ha avuto già grandi applausi da Fedez (che lo ha definito la penna migliore mai sentita a X Factor) e Mara Maionchi (che lo ha voluto ai Live per le sua capacità cantautorale).

Luna, dall’alto dei suoi 16 anni, è la più piccola del gruppo: vive a Uta (Cagliari), frequenta il terzo anno del Liceo Linguistico, ma sembra essersi convinta che la sua strada sia un’altra («Il palco è la mia casa, lì sono davvero me stessa»).

La 26enne Naomi (di Napoli) invece ha studiato fin da piccola musica leggera per poi avvicinarsi alla lirica, diplomandosi al Conservatorio in teatro musicale d’opera. I Bowland infine sono l’incontro tra Iran e Italia, tra Tehran (dove sono nati) e Firenze (dove si sono trasferiti): Saeed alla chitarra e alla tastiera, Pejman agli ammennicoli ritmici, Leila la voce del gruppo.

Sotto la regia del direttore artistico Simone Ferrari e la fotografia (sempre impeccabile) di Ivan Pierri, i quattro finalisti saliranno su un palco di 800 metri quadrati, dominato da un led di 350.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto