E’ giusto e legale farsi pagare in buoni amazon in cambio di offrire pubblicità?

E’ giusto e legale farsi pagare in buoni amazon in cambio di offrire pubblicità?



Ormai tutti sanno che gli influencer grandi medi e anche piccoli vengono giornalmente contattati da brand o agenzie.

Il motivo? Offrire pubblicità attraverso i propri siti o social network a vari prodotti (più o meno in linea con la persona).

L’influencer (lavoro a tutti gli effetti) esiste anche un codice ateco riferito alla categoria “conduzione di campagne pubblicitarie” spesso viene sottovalutato.

Purtroppo in Italia molte persone, aziende e agenzie non pensano a quanto lavoro ci sia dietro.

L’influencer paga le tasse? SI!


Ad oggi sono nate diverse piattaforme che si propongono da intermediari tra influencer e aziende. Dove stà il problema?

Queste agenzie si fanno pagare fior e fior di soldi dalle aziende e poi contattano gli influencer. Molto spesso propongono buoni amazon o di fare il lavoro gratis, fornendo linee guida ben precise di quello che l’influencer dovrà andare a fare.

Non è quindi un regalo, l’influencer non riceve un prodotto e ci fa ciò che vuole ma l’influencer è “comandato”.

Spesso la cosa divertente è che queste agenzie sono esperimenti e non hanno nessuno di competente dietro. Il modo più semplice per far apprezzare il prodotto dell’azienda x ad un utente secondo le persone intelligenti quale sarebbe?

Contattare l’influencer e dire: ecco il prodotto ci fidiamo di te e fare in modo che l’influencer lo utilizzi e parli al pubblico come è solito fare e come il pubblico si aspetta da lui. Essendo anche sincero possibilmente in modo educato.

Invece no, pseudo agenzie danno comandi spesso in cambio del nulla o di un buono amazon rovinando anche il rapporto tra influencer e followers e mandando a monte il risultato della campagna pubblicitaria.

MA E’ LEGALE PAGARE UN INFLUENCER IN BUONI REGALO/AMAZON ecc?

Per la legge, ogni lavoro eccetto di contratti particolari deve essere retribuito e non meno di 7 euro all’ora. Il metodo dei buoni amazon è spesso utilizzato da alcune agenzie online per pagare una persona. Per legge i buoni regalo/pasto vanno dichiarati nella dichiarazione dei redditi. Tutti continuano a dire che non ci sono leggi precise sull’argomento ma le leggi ci sono eccome.

Partendo dal presupposto che nessuno dovrebbe mai LAVORARE GRATIS e che con i buoni amazon tu non ci paghi bollette, tasse e commercialista perchè mai dovresti accettare una cosa del genere?

Per legge inoltre un’azienda non può pagare lo stesso lavoratore per più di 2500 euro l’anno in caso di lavoro occasionale e non può pagare un lavoratore più di euro 258,23 in buoni!

Inoltre non è corretto che queste aziende ti contattino per lavori continuativi (spesso una campagna dura anche 3 o 4 mesi) come se fosse lavoro occasionale.

Inoltre non è un regalo ricevere un buono regalo, ti viene dato perchè hai lavorato quindi non lo ricevi GRATUITAMENTE.

Ricapitolando quindi è solo l’agenzia che ci guadagna, l’influencer non ci guadagna proprio nulla e inoltre non è neanche corretto legalmente e queste agenzie lo sanno benissimo!

Prendiamo un contratto tipo dai termini e condizioni di una delle tante agenzie

Guardiamo il punto due



2. Durata del contratto e recesso 

2.1 Il Contratto si intende a tempo indeterminato, fatto salvo l’eventuale recesso di una delle parti, operato ai sensi del successivo art. 2.2.

2.2 L’Influencer e ……… potranno in qualsiasi momento recedere dal Contratto dandone comunicazione all’altra parte; ……. potrà recedere dandone comunicazione all’Influencer all’indirizzo e-mail da questi fornito all’atto della registrazione, l’Influencer mediante comunicazione inviata con messaggio di posta elettronica all’indirizzo customercare@…..com o utilizzando gli strumenti di cancellazione dell’account…..). Il recesso sarà efficace trascorsi 7 (sette) giorni dalla comunicazione all’altra parte, fatto salvo il diritto dell’Influencer al saldo di compensi già maturati alle condizioni previste all’art. 4. Qualora l’Influencer abbia aderito ad una Campagna in corso, il recesso sarà efficace a decorrere dal termine della Campagna.

CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO senza retribuzione?

E attenzione ad utilizzare siti a buoni amazon perchè se anche loro sostengono che i buoni amazon non vanno dichiarati, un domani quando magari avranno un bel controllo fiscale vi manderanno loro la certificazione unica e magari voi per la vostra situazione (a carico del marito, pensionata ecc) non potreste nemmeno farla!

Cosa dite conviene? 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto