Miley Cyrus, arrestato il suo stalker: “La mia missione è metterla incinta”

 

David Rumsey, 42 anni, è stato arrestato sabato sera durante lo show iHeartRadio Music Festival di Miley Cyrus a Las Vegas.

Il sito TMZ riporta che, quando la sicurezza lo ha affermato, in una sorta di delirio ha affermato: “La missione della mia vita è mettere incinta Miley“.

L’uomo era già stato inserito in una “lista di controllo” come fan potenzialmente pericoloso dopo una serie di inquietanti messaggi pubblicati su Twitter e indirizzati alla cantante.



La scorsa settimana, prima dello spettacolo, scriveva: “Sono qui da giovedì sperando di incontrarti prima se ti trovassi in anticipo in città. Ti amo e spero che mi concederai del tempo. Abbiamo tante cose di cui parlare“.

Rumsey aveva allarmato la sicurezza anche con messaggi in cui scriveva di voler festeggiare con Miley ed altre celebrità scomparse: “So che una volta che saremo insieme potremo fare festa con 2Pac, Biggie, Prince, Michael Jackson e tutti quelli che abbiamo perso”.

Così, prima dell’inizio dell’evento, il team di sicurezza della Cyrus ha consegnato delle foto di Rumsey al personale del locale, chiedendo di individuarlo e segnalarlo immediatamente se si fosse presentato. E così l’uomo è stato fermato.

Nonostante la paura causata dalla presenza di Rumsey, l’esibizione della cantante ha registrato il solito enorme successo.

a cantante si stava esibendo all’IHeart Radio Festival a Las Vegas, quando la sicurezza ha notato nella folla l’uomo, già nella lista dei potenziali fan pericolosi. Come riporta il sito Perez Hilton, Rumsey era stato notato dalla sicurezza per alcuni tweet piuttosto inquietanti rivolti alla cantante riguardo la sua intenzione di riportare in vita celebrità scomparse come Prince, 2Pac e Michael Jackson e fare festa con loro.