Come Greta Gerwig costruì le sue “piccole donne”

Come Greta Gerwig costruì le sue “piccole donne”

Il romanzo era solo l’inizio. L’adattamento di Grisa Gerwig delle “Piccole donne” di Louisa May Alcott è così pieno di riferimenti – letterari, artistici, cinematografici – che invoca un programma. “Ogni riga e ogni momento di questo film potrebbero essere annotati”, ha detto Gerwig. “Spero che questo non lo sembri completamente noioso, ma è una tesi.”

Durante una recente visita all’American Wing of the Met , Gerwig ha tenuto una parziale spiegazione delle sue influenze nello scrivere e dirigere il film, che sarà presentato in anteprima il 25 dicembre. “Alcune cose che non posso dire”, ha detto. “Si sentono come se fossero segreti.”

& Ldquo; Story of Golden Locks & rdquo;  di Seymour Joseph Guy ha evocato la luce dorata dell'infanzia che Gerwig stava cercando di catturare.
“Story of Golden Locks” di Seymour Joseph Guy ha evocato la luce dorata dell’infanzia che Gerwig stava cercando di catturare. Credito …Il Metropolitan Museum of Art
Saoirse Ronan as Jo.
Saoirse Ronan nel ruolo di Jo. Credito …Wilson Webb / Columbia Pictures

Per delineare il mondo di Concord, Massachussets, negli anni 1860 in cui vive la famiglia March, Gerwig studiò i dipinti di Winslow Homer, Lilly Martin Spencer e Seymour Joseph Guy. “I dipinti sono utili in un modo in cui la maggior parte delle fotografie non lo sono”, ha detto. Nell’era della Guerra Civile, “potresti dipingere una scena dalla vita in un modo che non puoi fotografare una scena dalla vita. Potresti avere un momento. ”Il dipinto a olio di Guy sui bambini che leggono fiabe a letto ha evocato la tonalità stessa dell’infanzia. Nel film, “tutto, che sia la luce del sole o la luce del fuoco, sembra dorato”, ha detto Gerwig. Quando le sorelle raggiungono l’età adulta, la luce diventa bianca. “Non fa freddo”, ha detto, “ma è meno magica”.

Louis Jourdan, left, and Leslie Caron in “Gigi.”
Louis Jourdan, a sinistra, e Leslie Caron in “Gigi”. Credito …MGM, via Getty Images
“Gigi” inspired the growing relationship between Amy (Florence Pugh) and Laurie (Timothée Chalamet).
“Gigi” ha ispirato la crescente relazione tra Amy (Florence Pugh) e Laurie (Timothée Chalamet). Credito …Wilson Webb / Columbia Pictures

Gerwig ha dato i suoi compiti cinematografici al cast e alla troupe, inclusi adattamenti di romanzi classici (“Great Expectations” di David Lean del 1946 e “The Age of Innocence” di Martin Scorsese del 1993) “Jules and Jim” di François Truffaut, che ha segnato il quarto muro ” Fanny e Alexander ”e i film musicali di Vincente Minnelli. Tra questi c’era “Gigi”, la storia di una ragazza che fa amicizia con un donnaiolo francese mentre naviga sulla scena sociale parigina. Mentre Gigi matura, il loro rapporto diventa romantico, una dinamica rispecchiata da Laurie (Timothée Chalamet) e Amy (Florence Pugh) nella loro avventura parigina. “Gigi” è diventato il modello estetico per un incontro tra Amy e Laurie su una passeggiata di Parigi.

Perché non potevo fermarmi per la morte –

Si è gentilmente fermato per me –

Il trasporto ha tenuto ma solo noi stessi –

E l’immortalità.

Emily Dickinson visse e scrisse durante il periodo di “Piccole donne”, e Gerwig la vide – un’artista intensamente privata che scriveva spesso sulla morte – come una “compagna spirituale” di Beth (Eliza Scanlen). Non appena ha lanciato il film, “Ho iniziato a guidare tutte le ragazze” con materiali di lettura, Gerwig ha detto. Per Scanlen, “Volevo che leggesse tutte quelle poesie”.

Diane Keaton and Warren Beatty in “Reds.”
Diane Keaton e Warren Beatty in “Reds”. Credito …Paramount Pictures, tramite Everett Collection
The banter between the stars in  “Reds” served as a template for the chemistry between Friedrich Bhaer (Louis Garrel) and Ronan’s Jo.
La battuta tra le stelle in “Reds” è servita da modello per la chimica tra Friedrich Bhaer (Louis Garrel) e Jo di Ronan. Credito …Wilson Webb / Columbia Pictures

JOHN REED: Perché ti aspetti di essere preso sul serio se non scrivi di cose serie? … Con tutto ciò che sta accadendo nel mondo oggi, decidi di sederti e scrivere un pezzo sull’influenza del dannato Armory Show del 1913! Le persone dovrebbero prenderlo sul serio?

LOUISE BRYANT: Beh, non mi interessa davvero!

REED: Ti interessa!

BRYANT: Non mi interessa!

REED: Ti interessa!

BRYANT: Non mi interessa!

“Reds”, il film di Warren Beatty del 1981 sul giornalista socialista John Reed (Beatty) e il suo rapporto con la scrittrice femminista Louise Bryant (Diane Keaton), piantarono un seme per il rapporto di Jo con la sua compagna scrittore, il professore tedesco Friedrich Bhaer (Louis Garrel). In una scena, Reed e Bryant riflettono sulla serietà della scrittura di Bryant. “Sta criticando il suo lavoro, ma tu lo ami e li ami”, ha detto Gerwig – uno stato d’animo evocato da uno scambio stranamente affascinante tra Jo e Bhaer dopo aver letto le sue storie, non le amano e le dice così.

Sign up for the Watching Newsletter

Get recommendations on the best TV shows and films to stream and watch, delivered to your inbox.SIGN UPImmagine”Euphemia White Van Rensselaer” di George PA Healy ha evocato uno degli ambienti sociali che Meg March si ritrova a girare in cerchio. Credito …Il Metropolitan Museum of Art

Emma Watson as Meg, the eldest March sister.
Emma Watson nel ruolo di Meg, la sorella maggiore di March. Credito …Wilson Webb / Columbia Pictures

Il dipinto di George PA Healy su un’erede di Albany evoca l’elevato ambiente sociale visitato – e alla fine respinto da – la sorella maggiore di March, Meg (Emma Watson). “Questo è un buon riferimento Meg, anche se non ho usato alcun cofano, perché non amo i cofani”, ha detto Gerwig. “Semplicemente non mi piacciono. Mi sembra di non poter fare cose che non mi piacciono. ”In base alla progettazione, le Marche di Gerwig si sentono un po ‘fuori dal tempo. Lavorando con la costumista del film, Jacqueline Durran, ha fondato la cultura tradizionale di Concord negli anni ’60 del 1800 e ha incastrato la famiglia March in opposizione ad essa. “Volevo che si presentassero come erano, che era essenzialmente una famiglia hippie”, ha detto.

La sceneggiatura di Gerwig è stata attinta dalle lettere private di Louisa May Alcott, dalla borsa di studio sulla vita di Alcott e dai romanzi successivi di Alcott, in cui Gerwig ha spiato ancora più eroine moderne di quelle di “Piccole donne”. Sebbene Alcott abbia compromesso le sue trame per placare le aspettative dei lettori, ” man mano che i libri andavano avanti, diventavano sempre più simili alla sua vita “, ha detto Gerwig. Un discorso pronunciato dallo stand di Alcott Jo (Saoirse Ronan) nel film è preso in prestito dal romanzo di Alcott “Rose in Bloom” del 1876, su una giovane donna che va a vivere (e sparare) con i suoi sette cugini maschi:

Le donne hanno una mente e un’anima, oltre che solo un cuore. E hanno l’ambizione, e hanno il talento, così come la bellezza, e sono così stufo delle persone che dicono che l’amore è tutto ciò per cui una donna è adatta. Sono così stufo di questo.

Gerwig ha aggiunto la sua linea finale: “Ma sono così solo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto